La Pietra di Bismantova esalta Tiago Ferreira

Il portoghese della DMT Racing Team ha fatto il vuoto nella discesa finale, prendendosi la seconda vittoria parziale in questa edizione di Appenninica nella quinta tappa con arrivo a Castelnovo ne’ Monti. Secondo posto per Lorenzo Samparisi e terzo per Hans Becking, saldo al comando della generale. Tra le donne Esther Süss fa cinque su cinque

Il DMT Racing Team continua a dettare legge ad Appenninica MTB Parmigiano Reggiano Stage RaceGiovedì 1° Ottobre a Castelnovo ne’ Monti, con la suggestiva Pietra di Bismantova a fare da sfondo, gli atleti del team manager Andrea Marconi hanno conquistato la quarta vittoria di tappa in cinque giorni ad Appenninica MTB Parmigiano Reggiano Stage Race. Stavolta, però, niente arrivo in parata, perché Tiago Ferreira è riuscito a fare la differenza nella discesa finale che ha portato i corridori alla base della Pietra, staccando tutti, compreso il compagno di squadra e leader della generale Hans Becking. Secondo posto per Lorenzo Samparisi (KTM Alchemist Dama) a 2’57”, marcato stretto proprio dall’olandese, terzo a 3’06”.

Dopo le fatiche della Queen Stage, i rider hanno optato per un approccio più tranquillo alla frazione, lunga 50 km con 1800 metri di dislivello, tenendo un’andatura regolare per la prima parte, su strade forestali veloci e qualche trail in salita verso il paesino di Montemiscoso e poi il Lago Calamone. Solo poco prima di approcciare il tratto che girava attorno alla Pietra di Bismantova, Ferreira ha deciso di rompere gli indugi e provare un all-in per la vittoria di tappa. I tentativi di Samparisi di tenergli testa sono risultati vani, così il portoghese si è presentato in Piazza Peretti a Castelnovo ne’ Monti a braccia alzate, bissando il successo ottenuto a Fanano tre giorni fa.

La prima parte della tappa è stata molto tranquilla, visto che non avevamo motivi per fare corsa dura – spiega Ferreira. – Nella seconda, invece, c’erano molti su e giù veloci, così poi ho provato a forzare per cercare il successo di tappa. Obiettivo raggiunto!”. Per Becking, invece, una giornata di totale controllo: “Quando ha attaccato Tiago ho lasciato che Samparisi provasse a inseguirlo. Non ho voluto forzare troppo. Anche oggi eravamo circondati da paesaggi bellissimi, ma dopo cinque giorni di gara sugli Appennini emiliani, ormai questa è diventata la regola”.

Si è dovuto accontentare della piazza d’onore il lombardo Samparisi, ancora una volta il più tenace avversario dei due corridori del DMT Racing Team: “Purtroppo non sono riuscito a seguire Tiago, ma conto di riprovarci nelle prossime due tappe che, sulla carta, sembrano adattarsi alle mie caratteristiche. Non nascondo che, dopo la vittoria di Fanano, mi piacerebbe ripetermi”. Tra gli italiani bene anche Federico Mandelli (Piraz Coaching), che ha chiuso 5° a 10’50” dal vincitore.

In classifica generale Ferreira si avvicina al compagno Becking ed è ora lontano 4’38”, mentre Samparisi è sempre più vicino al terzo posto finale, avendo guadagnato ulteriormente su Milton Ramos (Rockrider Decathlon).

ESTHER SÜSS BATTE IL CINQUE!

Tra le donne Esther Süss centra la quinta vittoria in altrettante tappe, non lasciando nemmeno un briciolo di speranza alle avversarie. Per l’ex campionessa del mondo, a questo punto, l’en-plein di successi in questa edizione di Appenninica non è più un’utopia. Secondo posto, a 17’29”, per Gaia Ravaioli (KTM Alchemist Data), a sua volta per cinque volte sul secondo gradino del podio.

È stata una tappa divertente, con molti ‘up and down’, e tanti bei paesaggi – ha commentato la svizzera -. A me piace di più andare in salita che in discesa, ma una giornata come oggi, dopo le fatiche di ieri, ci voleva. Vincere tutte le tappe? L’ho già fatto alla Transalp, alla 4 Islands e all’Andalucia Race, quindi perché no?“.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.